Bilancio Sociale

Una vita senza progetti non è vita.

Un Centro di Solidarietà che, annualmente, non reinventa, riprogettando, sui valori della sua storia è rinunciatario.

Il Centro Gulliver, finalmente, mettendo mano alla sua organizzazione si dà obiettivi che diversificano e nel contempo realizzano il progetto che da oltre 30 anni
persegue: trasformare i suoi Ospiti da soggetti fragili a concittadini attivi e creativi, anzi da utenti a co-terapeuti.

La collaborazione con aziende profit attraverso il volontariato d’impresa rappresenta il primo esempio pratico di reintegrazione sociale cosi come l’attivazione ormai consolidata
dei laboratori trasversali all’interno delle Comunità terapeutiche e l’ampliamento di attività formative che riqualificano le persone in vista del loro reinserimento.

Grazie alle competenze acquisite dai nostri Operatori e Collaboratori siamo in grado di progettare interventi innovativi adeguati a rispondere all’evoluzione delle patologie sociali
acquisite o emergenti sempre più invalidanti oramai presenti sul nostro territorio.

Siamo, infatti, consapevoli che la nostra responsabilità non sarà più solamente di diventare esperti terapeuti, ma di prenderci cura dei nostri concittadini che si trovano in situazioni di fragilità momentanea o di altre sofferenze o … disorientati.

Ci impegneremo, quindi, individualmente e in squadra in modo qualificato, coinvolgente, perseverante.

Don Michele Barban

i nostri numeri

anno di fondazione
e oltre sono gli ospiti curati presso le nostre strutture
comunità residenziali accreditate
aree dipendenze
area psichiatria

alcuni dati del 2017

persone ospitate nelle comunità
istituti scolastici coinvolti nei laboratori
utenti del consultorio familiare
persone a carico dei servizi innovativi
alunni coinvolti nei laboratori scolastici
persone ospitate nelle case vacanze
ore di seminari rivolti alla cittadinanza
ore di formazione erogate da ente formativo
ore di volontariato d'impresa
followers sui social networks
eventi sul territorio
spettacoli teatrali

In primo piano